Wimbledon 2017: dal 3 al 16 Luglio il torneo ATP più famoso del Regno Unito.

Tennis

Poco più di una settimana prima dell'inizio di Wimbledon, il torneo più prestigioso ed importante all'interno dell'intero panorama tennistico. Vista la breve aspettativa è meglio dare uno sguardo a coloro che possono essere i favoriti per la vittoria della competizione, menzionando anche le possibili sorprese.

I favoriti del torneo:
A differenza del precedente torneo del Grand Slam, il Roland Garros, a Wimbledon parteciperanno tutti i Big 4 che rispondono al nome di Andy Murray, Novak Djokovic, Rafael Nadal e Roger Federer. Questi ultimi sono stati nominati come prime quattro teste di serie in virtù del ranking e dei risultati conseguiti negli scorsi due anni sull'erba. L'indiziato principale per la vittoria del titolo comunque, rimane l'attuale numero uno al mondo, lo scozzese Andy Murray. Fino ad ora la stagione ha regalato solo delusioni al tennista britannico che è riuscito ad imporsi soltanto nel torneo ATP 500 di Dubai. Murray è il campione uscente di Wimbledon, dovrà difendere ben 2000 punti per questa ragione lo scozzese battaglierà su ogni punto. Dietro di lui c'è subito Rafa Nadal; lo spagnolo è il tennista più in forma del momento e dopo aver vinto praticamente di tutto sulla terra rossa, proverà a conquistare il suo terzo Wimbledon in carriera. Nadal inoltre, ha la possibilità di diventare di nuovo numero uno al mondo dopo questo torneo e proverà ad arrivare fino in fondo nonostante la superficie non congeniale al suo gioco. Proverà a riscattarsi dalle delusioni anche il serbo Novak Djokovic. "Nole" ha vinto soltanto il torneo ATP 250 di Doha quest'anno ed ha scelto di giocare un torneo relativamente facile, il 250 di Eastbourne, per prepararsi al meglio alla competizione londinese. Tuttavia, anche se può sembrare sottotono, chi segue il tennis sa che Novak Djokovic è un guerriero sul campo e vorrà lasciare il segno in questa edizione, riscattando il terzo turno racimolato l'anno scorso. L'ultimo, ma assolutamente non per importanza, dei favolosi quattro è lo svizzero Roger Federer. Dopo una partenza razzo, nella quale Roger ha vinto l'Australian Open ed i Master 1000 di Indian Wells e Miami, lo svizzero ha deciso di prendersi una pausa e saltare tutti i tornei disputati su terra rossa. Ora Federer è tornato e dopo un iniziale scivolone a Stoccarda (dove è stato sconfitto in tre set dall'amico Tommy Haas) il basilese è riuscito a conquistare il nono titolo ad Halle, confermandosi come uno dei migliori giocatori di sempre sull'erba. 

Le possibili sorprese:
Dietro i quattro favoriti c'è una folta schiera di giocatori pronti ad approfittare di qualsiasi occasione gli capiti a tiro. Il primo tra questi è sicuramente il canadese Milos Raonic. Raonic, finalista della scorsa edizione, possiede un servizio esplosivo che sull'erba di Wimbledon può diventare un'arma letale con cui far fuori vittime illustri. Occhio anche alla testa di serie numero 5, Stan Wawrinka. Allo svizzero manca solo Wimbledon per completare il Grand Slam e per cercare l'impresa ha scelto un nuovo coach, il noto Paul Annacone, allenandosi al meglio in queste settimane. Attenzione anche alle cosiddette nuove leve: Alexander Zverev e Dominic Thiem. Il tedesco Zverev, dopo l'exploit compiuto sulla terra rossa di Roma, ha dimostrato di saper giocare anche sull'erba arrivando in finale in due edizioni consecutive del prestigioso torneo di Halle. L'austriaco Thiem invece, fino ad ora ha dimostrato poco sull'erba, vincendo appena un torneo l'anno scorso a Stoccarda. Comunque, se in giornata l'austriaco può dare filo da torcere a chiunque, specialmente grazie al suo potente rovescio ad una mano. Completano il quadro alcuni soliti noti, come ad esempio il croato Marin Cilic, i francesi Tsonga e Gasquet, il bulgaro Dimitrov ed il ceco Tomas Berdych. Menzione d'onore per i pochi specialisti di questa superficie, coloro che praticano ancora il serve and volley e potrebbero stupire chiunque come ad esempio il lussemburghese Gilles Muller e lo spagnolo Feliciano Lopez.

I tennisti italiani:
In questo momento si può dire che il tennis italiano stia vivendo un buon momento. Nonostante l'apparente assenza di ricambi generazionali, sono ben 6 i tennisti italiani presenti nella top 100 del ranking ATP. I principali candidati che possono lasciare il segno sull'erba veloce di Wimbledon comunque, rimangono 2: Fabio Fognini ed Andreas Seppi. In passato Seppi è riuscito addirittura a vincere un titolo su questa superficie, ad Eastbourne nel 2011, mentre per quanto riguarda Fognini, è risaputo che con la giusta solidità mentale possa raggiungere qualsiasi risultato anche su erba.

Avviso: il gioco è vietato ai minori di 18 anni – può causare dipendenza       gioco responsabile   |  probabilità di vincita